‎آخرین خبر
‎خانه / کنفرانس فلورانس / Nono Forum dei Giornalisti del Mediterraneo, al centro: "La guerra mondiale a pezzi"

Nono Forum dei Giornalisti del Mediterraneo, al centro: "La guerra mondiale a pezzi"

Firenze, 10 ottobre 2014 – “La guerra mondiale a pezzi” è l’espressione usata da Papa Francesco scelta dall’organizzazione Information Safety and Freedom (ISF) come titolo della nona edizione del Forum dei Giornalisti del Mediteranneo, che si è svolto oggi nella sala Luca Giordano di Palazzo Medici Riccardi. Nel corso della giornata, giornalisti, analisti ed esperti di diversa provenienza geografica si sono confrontati sul tema dei conflitti in Medio Oriente.

Dopo l’introduzione e i saluti del presidente di ISF Stefano Marcelli, del Presidente della Provincia Andrea Barducci e del consigliere dell’Ordine dei giornalisti della Toscana Nicola Novelli, la mattinata è stata interamente occupata dal panel sul ruolo dell’Iran nello scenario mediorientale. Nel corso del dibattito moderato da Ahmad Rafat segretario generale di ISF, sono intervenuti Hassan Shariat Madari, Mohaed Sazgara, il professore Jamsid Assadi, la giornalista iraniana Nooshabeh Amiri,  Shariar Ahi e l’Europarlamentare della Commissione Esteri Marietje Schaake. Tra gli argomenti affrontati anche il ruolo dei Pasdaran nella politica estera iraniana.

Il pomeriggio è stato invece dedicato ai conflitti in corso nella regione: dalla Siria all’Iraq, dalla Palestina al Kurdistan, e ovviamente al fenomeno dell’Isis. A conclusione i partecipanti, insieme ai portavoce delle comunità arabe, i rappresentanti nazionali di Amnesty International e Unhcr e di alcune istituzioni locali, hanno lanciato un appello in solidarietà con i popoli di questi paesi dal titolo: “Save the Middle East’s People“. Il documento letto al termine dell’iniziativa si rivolge direttamente alle istituzioni europee e italiane chiedendo a gran voce “un piano umanitario per fronteggiare l’emergenza dei profughi e richiedenti asilo“. “Quella in atto in Medio Oriente – si legge – è certamente la più grande tragedia umanitaria dalla Seconda Guerra Mondiale in poi. I milioni di sfollati e i profughi ora concentrati in Paesi come Libano, Giordania e Turchia, rappresenteranno una grave emergenza umanitaria, anche con effetti destabilizzanti sull’area mediterranea, con effetti immediati e negli anni successivi, al termine dei conflitti in corso”. Dal documento un appello ai paesi dell’Unione europea, in particolare, che “devono garantire percorsi sicuri e legali di accesso alla frontiera europea ai rifugiati siriani e di altri paesi ove sono in corso conflitti interni e violazioni dei diritti umani, mettere a disposizione un maggior numero di posti per reinsediare i rifugiati attualmente presenti nei paesi confinanti e favorendo i ricongiungimenti familiari”. Serve dunque “un piano organico per fronteggiare questa emergenza umanitaria a cui non si può restare indifferenti”.

Link

http://www.lanazione.it/firenze/forum-giornalisti-mediterraneo-appello-1.292634

‎برسی مجدد

سخنرانی گلاله شرفکندی در فوروم مدیترانه فلورانس

دیدگاهتان را بنویسید

نشانی ایمیل شما منتشر نخواهد شد. بخش‌های موردنیاز علامت‌گذاری شده‌اند *